Obiettivo:

Questo studio sulla disciplina del beach volley ha l’obiettivo di valutare gli effetti sui gruppi di età e sui ruoli dei giocatori (blocker vs. defender specialist) nel beach volley in relazione alle variabili temporali e fisiche, considerando la qualità dell’opposizione.

Materiali e metodi

Sono stati analizzati 1101 rallies dall’ Under 19 (U19), 933 rallies dall’ Under 21 (U21), e 1480 rallies dagli adulti (senior) di beach volley. Le variabili analizzate sono state le seguenti: temporali (durata del set, tempo di riposo totale, il tempo di lavoro totale, durata del rally, tempo di riposo tra i rally) e fisiche (numero di salti, numero di colpi fatta dai difensori e dai muratori). Un giocatore è stato classificato come un difensore quando ha partecipato meno del 20% dei tempi in azioni di muro (Tili e Giatsis, 2011). I dati sono stati raccolti dalle gare maschili dei Campionati Mondiali 2010 (U19), Campionati del Mondo 2010 Junior (U21) e Campionato del mondo 2011 (senior). I set analizzati sono stati registrati usando una fotocamera (Video digitale Sony, Dcr – SR37).

Analisi statistica – Beach Volley

Inizialmente, sono state condotte analisi descrittiva e inferenziale senza considerare la qualità dell’avversario. Poi è stata eseguita una ANOVA per studiare le differenze tra i gruppi di età. Quando sono state trovate varianze uguali sono stati eseguiti i test di Bonferroni post-hoc mentre quando sono stati trovati varianze non uguali, è stato fatto il test di Brown-Forsythe con i test post-hoc T3 di Dunnett. E’ stato fatto T-TEST per campioni indipendenti per studiare le differenze di salti e colpi tra il difensore e il muratore in ciascun gruppo. Nella seconda fase, è stata utilizzata una regressione logistica multinomiale per valutare l’associazione tra gruppi di età diverse e le variabili temporali o fisiche secondo la qualità di opposizione avversaria e il ruolo del giocatore. Il gruppo analizzato è stato usato per definire il livello competitivo e stabilire se la qualità dell’opposizione avversaria in gara fosse equilibrata, moderatamente equilibrata e non equilibrata.  Le analisi sono state eseguite utilizzando il software SPSS (versione 20.0, IBM Corporation, Chicago, IL) e la significatività statistica è stata fissata a p <0.05.

Risultati

La tabella presenta le medie e le deviazioni standard per tutte le variabili temporali e fisiche.

La durata del set di beach volley, il tempo totale di riposo, il numero di salti fatti da difensori e il numero totale di salti hanno mostrato valori significativamente più elevati negli adulti se confrontati con l’U19 e l’U21. I muratori hanno fatto un maggior numero significativo di salti rispetto ai difensori in U19, U21 e nella categoria Senior. I difensori hanno fatto un maggior numero significativo di colpi rispetto ai muratori nella categoria senior. Quando la qualità di opposizione è stata considerata equilibrata le variabili temporali e fisiche hanno raggiunti valori più elevati nella categoria senior. Nella moderatamente equilibrata, queste variabili non ha mantenuto lo stesso modello andamento rispetto alle diverse fasce d’età (vedi tabella sottostante).

I modelli di regressione logistica multinomiale ha mostrato che, riferendosi alle variabili temporali, nei giochi equilibrati c’erano associazioni tra i gruppi di età (U19, U21 e senior) e la durata di serie, il tempo totale di riposo, il tempo di riposo tra i rally, e il numero di rally (vedi tabella).

Nei giochi sbilanciati (non equilibrati) ci sono stati associazioni tra gruppi di età e tempo di riposo tra i rally e il numero di rally. I risultati hanno mostrato un’associazione tra gruppi di età e di riposo tra i rally in partite giocate tra le squadre della stessa qualità. Inoltre i risultati hanno dimostrato che, in partite giocate tra squadre della stessa qualità (giochi equilibrati), il tempo di riposo tra i rally è stato superiore in categoria senior che in U19 o U21. Per le variabili fisiche, i risultati hanno dimostrato che nei giochi equilibrati, il numero di salti fatti dai difensori era più piccolo nella categoria U19 e nella categoria U21 rispetto alla categoria senior. Nei giochi equilibrati moderati, il numero di salti fatti dai difensori è stata più elevato nella categoria senior rispetto a quelli della categoria Under 21; il numero di salti fatti dai muratori era più piccolo nella categoria U19 rispetto alla categoria U21 o alla categoria Senior.

 

Discussione

In generale, quando la qualità di opposizione non è stata considerata, i risultati hanno mostrato che il profilo temporale (durata del set e tempo totale di riposo) e le caratteristiche fisiche (numero di salti fatto da difensori) aumentano significativamente dall’ U19 alla categoria senior. ll modello della prestazione fisica e le variabili temporali nella categoria U19 mostrano delle differenze se confrontate con le categorie senior e U21. Sebbene la durata della manifestazione e tempo di recupero, il tempo tra i rally rimanga invariato in tutte le categorie, l’aumento della durata impostata nella categoria senior era dovuta ad un significativo aumento del tempo totale di riposo e un leggero aumento del tempo totale di lavoro dei giocatori in questa categoria. Ciò suggerisce che i giocatori più esperti siano in grado di gestire meglio lo sforzo per tutta la partita, e l’adozione strategie di recupero tra loro (ad esempio lo  scrollarsi dalla sabbia, la pulizia degli occhiali, la comunicazione con  il partner, ecc). Pertanto, l’aspetto che differenzia i giocatori di alto livello dai giocatori di categorie più giovani (U19 e U21) potrebbe essere la loro capacità di gestire meglio i loro periodi di riposo. In tutti i gruppi di età (U19, U21 e categoria senior), i muratori hanno fatto significativamente più salti rispetto ai difensori. Tale risultato è dovuto ai ruoli diversi dei giocatori e quindi, i giocatori hanno bisogno di una formazione individualizzata di forza e di condizionamento secondo le esigenze diverse. Quando la qualità di opposizione è stata considerata, i risultati hanno dimostrato che non vi era una relazione tra i gruppi età con il profilo temporale (tempo di riposo tra rally) e con la variabile fisica (numero di salti fatto da difensori e bloccanti). I risultati hanno mostrato che nei giochi un-balanced, questa qualità di opposizione non ha interferito nelle variabili studiate. Questo può essere dovuto allo squilibrio in questi match dove le squadre adottano diverse strategie. Nei match equilibrati e moderatamente equilibrati, i risultati hanno mostrato differenze significative nel tempo di riposo tra i rally e il numero di salti fatte dai difensori e muratori nei tra i gruppi di età. In relazione al tempo di riposo tra i rally, nella categoria senior, gli atleti hanno adottato una diversa strategia per controllare lo sforzo rispetto alle categorie più giovani (U19 e U21). La media del tempo di riposo tra i rally nella categoria senior (23 secondi) è di tre secondi in più rispetto alla categoria U21 (20 secondi) e quattro secondi in più rispetto al U19 categoria (19 secondi). L’elevata intensità con brevi periodi, suggerirebbero che i giocatori di beach volley richiedono un ben sviluppato sistema energetico glicolitico, e una grossa produzione e risisintesi di creatin fosfato. Infatti, i giocatori di alto livello possono essere più evoluti tatticamente, utilizzando strategie di recupero migliori al fine di gestire al meglio lo sforzo.

 

Conclusioni

Lo studio condotto ci suggerisce che nel beach volley, il comportamento di alcune variabili fisiche subiscono cambiamenti secondo le fascia di età e il ruolo dei giocatori in qualità diversa rispetto all’opposizione. Inoltre, i cambiamenti di strategia delle squadre secondo la qualità degli avversari fornisce una più profonda sulle prestazioni durante il gioco, contribuendo a nuove idee per la pratica, per il gioco e per la ricerca.

 

Andrea Licciardi

Medeiros, A., Marcelino, R., Mesquita, I., & Palao, J. M. (2014). Physical and temporal characteristics of under 19, under 21 and senior male beach volleyball players. Journal of sports science & medicine13(3), 658.

Co-fondatore di PerformanceLab, blog sulla preparazione fisica. Attualmente lavora come Peparatore fisico e training load analyst per il Torino F.C., società professionistica di Serie A, nella quale segue la preparazione fisica e il monitoraggio dei carichi di allenamento della Primavera. E’ cultore della materia di Basi del Movimento Umano e Teoria e Storia della Metodologia di Allenamento per l’Università degli Studi di Torino, è appassionato al mondo della ricerca nelle scienze motorie e collabora con alcuni professori per lo sviluppo di progetti di tesi e di ricerca.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: