FUTSAL E FATICA

Il Futsal e’ caratterizzato da esercizi ad alta intensità di intermittenza con brevi periodi di recupero. (Castagna et al., 2009; Caetano etal., 2015), con 5 e 12% dell’ intero tempo di gioco fatto di corse ad alta intensità di frequenza; rispettivamente Barbero-Alvarez et al., (2008) e Castagna et al. (2009) riportano che gli atleti Spagnoli coprono 121 m.min , eseguendo scatti ogni ~79 s, raggiungendo così il 75% del consumo di ossigeno, 90% di battito cardiaco e una significativa contrazione di lattato ~5.3 mmol.L (Castagna et al., 2009).

L’alta richiesta fisica del Futsal induce una fatica legata al gioco, compromettendo la performance con evidenza di una graduale riduzione della distanza totale coperta, (Castagna et al., 2009; De Oliveira Bueno et al., 2014) ed un incremento nella distanza coperta al di sotto della velocità di 6 km.h (i.e., camminando e riposizionando le attività) (De Oliveira Considerando la natura da alta intensità del gioco e la graduale riduzione della performance di corsa, sembra essere più probabile che l’efficienza del tiro possa essere compromessa nel corso del gioco. Mentre gli studi precedenti si sono concentrati unicamente sul tiro (Barbieri et al., 2010, 2015), secondo la nostra conoscenza non ci sono studi che analizzano l’influenza della fatica sul risultato del tiro durante il gioco futsal e ci sono pochi studi del medesimo rispetto al Calcio in cui sono presentati risultati contraddittori. In sostanza, è stato riscontrato che la precisione (Ali et al., 2007) e la velocità della palla (Russell et al., 2011;Radman et al., 2016) sono compromesse dallo sviluppo della fatica, anche se potrebbe essere controbilanciato da alcune strategie come, ingerire bevande ricche di carboidrati (Currell et al., 2009).

La fatica muscolare non solo influisce sulla performance tecnica, ma può anche alterare il risultato dell’abilità (RSA) nell’esecuzione di scatti ripetuti (RSA), la quale e’ stata collegata ad alterazioni del risultato nel corso del gioco (Rampinini et al., 2008, 2011). In calciatori Italiani di alto livello, la fatica relativa al gioco si manifesta come combinazione di fattori centrali e periferici, in cui la fatica centrale presenta una moderata/forte relazione con la forza isometrica del muscolo quadricipite e il risultato dello scatto, mentre la fatica periferica e’ associata a dolore muscolare (Rampinini et al., 2011). Degno di nota e’ ricordare che all’aumento della fatica muscolare si riscontrano correlazioni con la performance tecnica (abilità nei passaggi brevi) (Rampinini et al., 2008).

Queste osservazioni indicano che lo sviluppo della fatica nel Futsal si può evidenziare a livello muscolare con potenziali implicazioni per il risultato tecnico. Ad ogni modo, questa ipotesi non e’ mai stata indirizzata. Perciò’ lo scopo dello studio e’ investigare l’influenza della fatica sul gioco del Futsal relazionata alla performance della corsa, alle variabili neuromuscolari e alla velocità e precisione del tiro. Abbiamo ipotizzato che il processo della fatica indotto dal Futsal aumenterebbe la tensione fisiologica soci come ridurrebbe la performance di corsa e danneggerebbe le variabili neuromuscolari (i.e., fatica neuromuscolare centrale e periferica) interessando la velocità e precisione del tiro.

Metodo

Dieci giocatori professionisti del Futsal fuori campo (età: 22.2 ± 2.5 anni; peso: 72.7 ± 8.5 kg; Altezza: 174 ± 7 cm; : 50.6 ± 4.9 mL.kg .min ), appartenenti a tema che competono nella prima divisione del campionato del São Paulo Futsal State, hanno preso volontariamente parte allo studio . Gli atleti non hanno mai presentato storia di disturbi muscolare, hanno esperienza professionale competitiva di almeno 4 anni ( i.e., Campionati di lega nazionale e locale ) e in generale, hanno partecipato ha 8 sessioni di allenamento, di almeno 100 min ognuna ed una gara ufficiale per settimana. Le procedure erano in accordo alla dichiarazione di Helsinki erano state precedentemente approvate dal Comitato di Ricerca Etica locale.

Design sperimentale

Inizialmente i partecipanti hanno eseguito un test incrementale su un tapis roulant motorizzato fino ad spossamento. In giorni separati hanno partecipato a 3 simulazioni di gioco che sono stati videoregistrati per successivo rilevamento automatico basato al computer e analisi della performance della corsa. La temperatura ambientale media (min– max) e la relativa umidità del periodo in cui si svolgevano le simulazioni di gioco sono stati portati da 30.9°C (28.7–32.1°C) and 49.7% (41.6–59.8%) nel primo giorno; a 32.0°C (29.7– 32.4°C) e 44.4% (40.9– 50.8%) al secondo giorno; e 27.0°C (23.4–27.3°C), e 46.7% (43.0– 55.2%) al terzo giorno (registrazioni meteorologiche dell’Istituto di Ricerca Meteorologica – IPMet–Bauru–SP–Brazil). Prima delle simulazioni, tutti i partecipanti hanno familiarizzati con le procedure, specialmente nella serie di tiri e negli verifiche neuromuscolari. La performance del tiro e’ stata valutata attraverso 3 serie da 3 calci di tiro libero assegnati prima dell’inizio (i.e., baseline), a metà tempo, e immediatamente dopo la simulazione del gioco. 4 giocatori sono stati valutati nel primo giorno e 3 sono stati valutati nel secondo giorno e nel terzo giorno di giochi simulati. Il numero di giocatori valutati ogni giorno e’ stato limitato allo scopo di permettere che tutte le serie di calci fossero eseguiti i meno di 2 min. Le valutazioni neuromuscolari sono state messe in pratica precedenti alla prima serie di calci (i.e., per determinare la linea guida delle variabili neuromuscolari) e immediatamente dopo la terza serie di calci (i.e., per determinare l’influenza del gioco simulato sulle variabili neuromuscolari); sono state composte da due massimali 5-s contrazioni isometriche volontarie (MVC) del ginocchio separate da 1 min. La superficie elettromiografica (EMG) e’ stata registrata dal muscolo vasto Laterale e la funzione neuromuscolare e’ stata analizzata per mezzo della tecnica della contrazione di interpolazione (attività elettromiografica volontaria) . Durante la valutazione neuromuscolare, sono stati sottoposti ad esame due giocatori al giorno. Il numero di partecipanti valutati al giorno e’ stato limitato per consentire la cessazione di tutte le valutazioni neuromuscolari in meno di 15 minuti (set di calci: ~ 2 min; la valutazione di ogni neuromuscolare partecipante: ~ 5 min). I campioni di sangue sono stati raccolti immediatamente al termine di ciascun periodo per misurare la concentrazione di acido lattico. Il battito cardiaco e’ stato misurato costantemente.

Discussione

Lo scopo di questo studio è stato quello di valutare l’influenza della fatica nel gioco futsal rispetto alla performance della corsa, alle variabili neuromuscolari, e alla velocità e precisione dei tiri.

La prestazione della corsa è diminuita durante il gioco simulato e questo è stato anche il caso di F e VA. Tuttavia, la velocità di tiri e la precisione non sono stati significativamente modificati. Tutte le variabili delle performance delle corsa sono stati ridotti durante la simulazione di gioco, confermando la presenza dello sviluppo della fatica, come affermato nella letteratura (Barbero-Alvarez et al, 2008;. Castagna et al, 2009;. De Oliveira Bueno et al 2014.; Caetano et al 2015.; Dal Pupo et al., 2016). Inoltre, il DC e’ stato abbastanza simile a quello riportato durante le partite ufficiali per i giocatori di futsal professionisti brasiliani (1 ° semestre: 97,9 m.min; 2 ° semestre: 90,3 m.min) (. De Oliveira Bueno et al, 2014). Durante la simulazione di gioco, il [La] e HR hanno raggiunto ~ 74 e ~ 91% dei valori massimi raggiunti durante il test incrementale, che caratterizza la forte domanda di energia nel futsal.

Le attività ad alta intensità ripetute con brevi periodi di recupero possono aver causato una riduzione delle prestazioni in esecuzione a causa dell’accumulo di diversi metaboliti e compromissione dei muscoli contrattili, soprattutto a livello cross-ponte (Debold, 2012). È importante sottolineare che l’accumulo di ioni H (cioè, l’acidosi muscolare), fosfato inorganico, e adenosina difosfato hanno contribuito alla diminuzione della Sensibilità Ca, più basso il restauro di adenosina tri-fosfato e di conseguenza il ridotto livello di forza (Allen et al., 2008; Debold, 2012). Tuttavia, l’accumulo di metaboliti forse non ha influenzato i risultati neuromuscolari. Il tempo necessario per eseguire il finale MVC dell’ultimo atleta valutato, ha preso fino a 15 min, che è sufficiente per ristabilire l’omeostasi del muscolo, ioni tampone H e di conseguenza meno interferenza del meccanismo di feedback afferente che riduce il motore che guida alla riattivazione dei muscoli (Amann et al, 2011; Billaut et al, 2013). L’assenza di indagini che hanno utilizzato la tecnica di interpolazione contrazione nel futsal rende il confronto dei nostri risultati difficile. Il VA osservato nel presente studio è stato leggermente superiore a Girard et al. (2013) (~ 80%) e leggermente inferiore Rampinini et al. (2011) (~ 90%), in aggiunta a che F era superiore a quello riscontrato da Girard et al. (2013) (~ 680 N). Le diminuzioni significative in F e VA riconducono alla fatica centrale, simile ai risultati di Rampinini et al. (2011), ma senza significativi cambiamenti nelle variabili che indicano la fatica periferica. Così, una possibile spiegazione potrebbe essere l’alta temperatura dell’aria ambientale durante le partite simulate. Ipertermia indotta dall’ambiente contribuisce alla diminuzione del VA, che colpisce la produzione di forza e caratterizzare la fatica centrale (Morrison et al, 2004;.. Nybo et al, 2014). Secondo Morrison et al. (2004), fatica centrale sorge quando la temperatura interna supera i 38,5 ° C e questo valore avrebbe potuto essere raggiunta dagli atleti durante i giochi simulati. Duffield et al. (2012) ha verificato la temperatura interna media di 38.8 ± 0.4 ° C dopo una simulazione di gioco (3 × 20 min) effettuata con una temperatura dell’aria ambientale 26,9 ° C ed umidità relativa del 65,0%. La temperatura ambientale e l’umidità relativa durante i giochi in corso di studio (30,9 ° C, 49,7%; 32,0 ° C, 44,4%; e 27.0 ° C, 46,7%, rispettivamente) erano superiori a quelle verificate mediante Duffield et al. (2012).

Presi insieme per un campo coperto senza un sistema di climatizzazione, è possibile ipotizzare che la temperatura dell’aria ambientale può aver causato un importante stress termico e conseguentemente modificato la temperatura del cuore degli atleti sopra 38,5 ° C, contribuendo al decremento in F e VA. Il disaccoppiamento tra VA e risposte RMS potrebbe essere il risultato della caratteristica delle misure, poiché VA è la somma della risposte di tutti i muscoli estensori del ginocchio alla stimolazione del nervo motore sovrapposti, mentre la EMG è un indice muscolospecifico (Girard et al., 2015b). Inoltre, è possibile che la condivisione di strategie di quadricipite femorale carico può essere alterato per la fatica e contribuire al mantenimento del valore RMS del muscolo vasto laterale dopo la simulazione di gioco (Bouillard et al., 2014). Forti correlazioni sono state verificate tra il ΔDC e ΔDC con Af . A dimostrazione che la stanchezza legata al gioco è associata alla perdita della capacità neuromuscolare come illustrato dalle diminuzioni in VA (~ 14%) e F (~ 11%) (Rampinini et al., 2011). Questi risultati sono supportati da Brocherie et al. (2014), i cui risultati verificano una grande prevalenza di qualità neuromuscolari in prestazioni atletiche per i giocatori di calcio, in particolare durante le attività RSA.

Tuttavia, è interessante notare come, il calo di prestazioni neuromuscolare non ha influenzato la velocità o la precisione del tiro. I nostri risultati per la velocità del tiro prima delle simulazioni di gioco (cioè, impostata 1-109,1 ± 7.3 km.h) sono superiori a quelli trovati per Elite (77,2 km.h) o semi-elite (71,9 km.h) di giocatori di futsal dalla Nuova Zelanda (Naser e Ali, 2016) o giocatori amatoriali provenienti da Brasile (87,4 km.h) (Barbieri et al., 2015). Nonostante il fatto che l’inferenza della grandezza base rivela non chiari risultati per la precisione del calcio, si è verificato un leggero aumento della velocità di palla tra le serie 1 e 2 (cioè, il risultato probabilmente positivo) che può essere collegato ad una temperatura muscolare aumentata (cioè, indotta elevata temperatura ambientale e di esercizio) che è apparentemente vantaggiosa per la contrattilità muscolare durante brevi periodi di alti sforzi, così come i tiri (Girard et al., 2015A ).

D’altra parte, la riduzione di velocità della palla evidenziata tra insiemi 2 e 3 (cioè, potenzialmente risultati negativi) potrebbe essere indicativa dell’ influenza della fatica in termini di prestazioni tecniche. Secondo Barbieri et al. ( 2010 ) e De Witt e Hinrichs ( 2012 ), le prestazioni del tiro è un prodotto lineare ed angolare della velocità del piede e dell’arto prima e dopo il contatto con la palla. Inoltre, i giocatori d’elite sono in grado di eseguire regolazioni di precisione durante situazioni avverse (cioè, in cui e’ presente la fatica), pur mantenendo le prestazioni durante i calci (Barbieri et al., 2010 ). Questo potrebbe essere il motivo per cui le differenze significative nella velocità del calcio e la precisione non sono state verificate.

Inoltre, Lyons et al. ( 2006 ) hanno riportato che gli effetti della fatica indotta da esercizio ad alta intensità sulle competenze di prestazioni dissipano rapidamente, ~ 2 min dopo la cessazione di esercizio e questa condizione può aver influito sulle misure. E ‘anche importante notare che diversi studi che hanno verificato imprecise prestazioni del calcio (cioè, velocità e precisione) nel circuito usato dal test (Ali et al. 2007 ; Currell et al. 2009 ; Russell et al. 2011 ;. Radman et al, 2016 ), che, pur essendo accettabile, non possono riprodurre domanda di gioco.

D’altra parte, Rampinini et al. ( 2011 ) hanno condotto le loro ricerche sul gioco simulato e verificato la fatica centrale e periferica subito dopo la partita (time- finestra per la valutazione> 40 min), ma senza significative alterazioni nella capacità di passaggi brevi. Nonostante le diverse nature dei passaggi brevi e dei tiri, questa è un’altra indicazione che l’affaticamento neuromuscolare non può influenzare in modo significativo le prestazioni tecniche.

I principali limiti del presente studio, e di conseguenza punti per ulteriori indagini, sono l’assenza di una diretta misura della temperatura ambiente, umidità relativa e principale e / o la temperatura della pelle. E ‘anche importante tentare di ridurre la finestra temporale per la valutazione neuromuscolare, poiché la condizione neuromuscolare è fortemente influenzata dal il tempo di recupero, che potrebbe sottovalutare le variabili della fatica centrali e periferiche (Taylor et al. 2009 ;. Luogo et al,2010 ). Infine, Aagaard et al. ( 2002 ) e Morel et al. ( 2015 ) hanno verificato che il tasso di sviluppo della forza è un fattore chiave delle prestazioni durante i movimenti con riduzione del tempo di contrazione, come sprint e calci (<250 ms), in questo modo la F poteva generare informazioni limitate a causa della diversa eziologia tra le contrazioni isometriche e calci. Ancora, indagini EMG e di cinematica durante i calci devono essere indirizzate per una migliore comprensione del fatica nel gioco del Futsal e la sua influenza sulle prestazioni tecniche (ad esempio, la velocità e precisione del tiro).

Conclusioni

Quindi, possiamo concludere che la fatica nella partita di futsal influenza l’esecuzione delle prestazioni, la massima forza isometrica dell’ estensione del ginocchio e l’attivazione volontaria. L’associazione tra neuromuscolare e le variabili di performance in esecuzione dimostra la necessità di considerare la forza di formazione / potenza in un programma di formazione di giocatori di futsal al fine di evitare un calo eccessivo delle prestazioni di queste variabili. Sorprendentemente però, la velocità di calcio e la precisione non sono stati influenzati significativamente.

Se vuoi saperne di più su questo argomento e sull’allenamento della forza nel calcio a cinque, clicca qui.

Paolo Aiello, Preparatore Fisico Acqua&Sapone

Milioni, Fabio, et al. “Futsal match-related fatigue affects running performance and neuromuscular parameters but not finishing kick speed or accuracy.” Frontiers in Physiology 7 (2016).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: