Il Plyometric Training e l’utilizzo di beta alanina sono comuni fra i giocatori di calcio, nonostante la combinazione fra i due non sia mai stata testata.

Per questo motivo è stato condotto uno studio randomizzato a doppio cieco placebo-controllo per valutare gli effetti del plyometric training con o senza la supplementazione di beta alanina, sulla massima intensità e l’endurance in giocatrici di calcio, durante un periodo competitivo.

Le giocatrici sono state assegnate ad un plyometric training associate a placebo (n=8), a beta alanina (n=8) o ad un gruppo di controllo che non eseguiva plyometric training e riceveva un placebo. Gli atleti sono stati valutati per jumps e sprints ripetuti e singoli, l’endurance e cambi di direzione prima e dopo l’intervento.

Entrambi i gruppi di plyometric training hanno aumentato il jump esplosivo, il repeated sprinting, il 60s repeated jumping, lo sprinting, il repeated sprinting, la performance sui cambi di direzione, mentre non sono stati osservati cambiamenti nel gruppo di controllo.

Nonostante ciò, rispetto al gruppo di controllo, solo il gruppo che ha utilizzato beta alanina ha mostrato aumenti significativi in endurance, il repeated sprinting e repeated jumping performances.

Si può concludere che la supplementazione di beta alanina durante il plyometric training potrebbe portare ad ulteriori cambiamenti adattativi relativi ad endurance, repeated sprinting e jumping ability.

Rosas, Ramirez, Martinez et al.

Link: https://www.degruyter.com/view/j/hukin.2017.58.issue-1/hukin-2017-0072/hukin-2017-0072.xml

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: