Seleziona una pagina

Considerati gli effetti degli alti carichi di allenamento, l’emolisi indotta dai contatti e le specifiche richieste di ferro delle donne, conoscere le fluttuazioni dei livelli ematici di ferro all’interno di una stagione è importante per il mantenimento della salute e delle performance fisiche dei giocatori e delle giocatrici di rugby.

27 giocatori e 23 giocatrici di nazionalità australiana di rugby seven hanno svolto dei test ematici pre, a metà e post season. Sono stati osservati emoglobina, ematocrito, ferritina, transferrina e saturazione di transferrina. Le donne hanno inoltre riportato se facessero uso di pillola contraccettiva e hanno tenuto un diario alimentare per poter quantificare meglio i livelli di intake di ferro.

Quali sono le concentrazioni di ferro negli uomini e nelle donne?

Gli uomini hanno mostrato una concentrazione in media tre volte più alta di ferritina rispetto alle donne. La concentrazione di ferritina osservata in pre season sia nelle donne che negli uomini è calata sostanzialmente nel mid season, ma è stata recuperata al termine della stagione.

All’interno della stagione il 23% delle donne è stata classificata come in carenza di ferro, ed è stata prescritta supplementazione. La più alta incidenza di ferro nelle donne è stata osservata  a metà stagione (30%).

I contraccettivi orali riducono il ferro?

L’uso di contraccettivo orale e l’apporto giornaliero di ferro tramite dieta ha avuto un’influenza non chiara sulle concentrazioni di ferritina osservate, con l’età che invece è stato un fattore positivamente correlato.

Il ferro è associato ai cali della prestazione nei giocatori di rugby?

Viste le concentrazioni relativamente basse di ferritina, evidenti nelle giocatrici di rugby seven, e i potenziali cali fisici associati agli alti carichi soprattutto in mezzo alla stagione, 6 mesi di controllo ematologico in combinazione con un diario alimentare sono suggeriti come fattori preventivi e di monitoraggio. Uno screening annuale potrebbe essere utile per i giocatori maschi, con investigazioni maggiori solo ove necessario.

Link: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28597617

Ti è piaciuto l'articolo? Allora condividilo!