La percezione dell’utilità della metodica yoga come aggiunta al trattamento fisioterapico è stato un fattore significativo per l’aderenza dell’atleta infortunato al programma innovativo di riabilitazione.

I risultati di 12 settimane di riabilitazione post ricostruzione dell’ACL di uno sciatore, sottolineano i miglioramenti negli obiettivi del processo riabilitativo i quali influenzano gli obiettivi di performance futura dell’atleta infortunato.

Un protocollo di 30 minuti di yoga è stato aggiunto per l’atleta infortunato, per 3 volte a settimana, a 90 minuti di terapia fisioterapica.

Il ROM del giniocchio infortunato è migliorato da -3 a normale (IKDC score), la flessione del ginocchio è aumentata di 20 gradi, la rotazione esterna in flessione è aumentata (sia attiva che passiva), così come è aumentata la flessione e l’estensione del ginocchio.

Lo yoga e la attività fisioterapica hanno permesso l’aumento della flessibilità, della forza muscolare, della stabilità e dell’equilibrio dell’atleta infortunato, e un fattore determinante è stato la percezione crescente dell’utilità della pratica yoga da parte dell’atleta, che ne ha aumentato l’aderenza al programma.

La collaborazione tra fisioterapisti, professionisti yogi, dottori e coaches potrebbe aiutare gli atleti infortunati nei processi riabilitativi.

Link: http://bjsm.bmj.com/content/50/22/e4.18

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: